Il Trauma del Rientro dalle Vacanze per i Più Piccoli

Questa mattina eravamo in macchina. Intorno alle 8:10, io e Sam, diretti verso i rispettivi uffici. Perchè Sam chiama cosí il suo asilo nido : l’“ufficio”. Invece Olivia era già stata trasportata al suo di “ufficio”. Insolitamente silenziosi entrambi, sia io sia Sam.

Il tempo questa mattina era migliore rispetto a quello di ieri. Certo non sembrava una mattina di agosto come quelle a cui siamo abituati in Italia. Il sole si nascondeva fra le nuvole basse, grigio scure, nerastre, e la temperatura era abbastanza bassa. Probabilmente intorno ai 17 o 18 gradi. Non di più.

Sam sussurra qualcosa, che non capisco. Mi volto, mentre continuo a guidare tra le strade vuote e alberate di Lussemburgo, e lo guardo. Osserva fuori, sguardo verso l’ alto, sguardo un pò perso, serio. Malinconico. E mi dice: “I want to go back to my house con piscina in Skiathos. I miss Skiathos. Why there was little rain in Skiathos and many rain in Lussemburgo?” e io gli rispondo “Anche io vorrei tornare in Grecia in vacanza, in piscina, al mare. I miss it” e Sam “I miss it also“.

Continua a leggere

Un Sabato Mattina all’IKEA

Andare all’Ikea e a Decathlon il sabato mattina con un bambino di 3 anni (a cui é nata da tre settimane la sorellina…con tutte le immaginabili e note conseguenze sulla psiche del bambino stesso: gelosia, bisogno di attenzioni, isterismo, ecc) puó sembrare insano ma l’ho fatto due giorni fa. Sono sempre stato un risk-taker e questa volta ho voluto rischiare ancora. Invece di portare Sam al parco, come al solito il sabato mattina, a correre col suo monopattino, ad arrampicarsi su qualche castello di legno o a venir giú da uno scivolo, ho deciso di portarlo da Ikea (e poi da Decathlon). Sam é un bravo bambino ma il rischio che si annoiasse e che facesse il monello era alto. Continua a leggere

Un Paio di Cose su Lussemburgo

Lussemburgo é la cittá dove viviamo e dove é nata Olivia. Lussemburgo é uno di quei posti dove poche persone immaginano e pensano lontanamente di viverci un giorno. Quando si sogna di fare l’espatriato solitamente si pensa a Londra, a New York, a Berlino, a Barcellona, a Dublino o a posti piú esotici e perché no, talvolta, avventurosi. É piuttosto raro trovare qualcuno che aspiri a venire a lavorare a Lussumburgo (“Dove?!”….appunto!). Anche perché molti non sanno nenche dove si trova il Granducato mentre altri lo confondono col Liechtenstein o altri ancora lo scambiano per una regione tedesca, tipo la Baviera, la Sassonia e cosí via. Continua a leggere

Finalmente Papá Bis

Olivia é nata due settimane fa. Sta benissimo e, come per tutti i neonati, la sua vita per il momento ruota intorno a tre principi cardini: pappa, cacca e nanna. La mamma sta bene e anche Sam sta bene. Pure io sto bene. Stiamo tutti bene. Ci si abitua all’essere in quattro, si aggiusta e setta la vita intorno a questa nuova creaturina. Anche Sam si sta abituando all’idea che ora é un big brother, un fratellone, di una sorellina moretta e pelosetta. Che non ha denti e che piange quando vuole il milk, milk. Continua a leggere