Un Paio di Cose su Lussemburgo

Lussemburgo é la cittá dove viviamo e dove é nata Olivia. Lussemburgo é uno di quei posti dove poche persone immaginano e pensano lontanamente di viverci un giorno. Quando si sogna di fare l’espatriato solitamente si pensa a Londra, a New York, a Berlino, a Barcellona, a Dublino o a posti piú esotici e perché no, talvolta, avventurosi. É piuttosto raro trovare qualcuno che aspiri a venire a lavorare a Lussumburgo (“Dove?!”….appunto!). Anche perché molti non sanno nenche dove si trova il Granducato mentre altri lo confondono col Liechtenstein o altri ancora lo scambiano per una regione tedesca, tipo la Baviera, la Sassonia e cosí via.

Confesso che il giorno che venne fuori la remota possibilitá di trasferirci a Lussemburgo, la prima cosa che feci fu quella di andare su google e digitare: Lussemburgo. L’unica cosa che ricordavo su questo piccolo paese incastonato tra Francia, Belgio e Germania, era una foto del mio libro di geografia delle scuole elementari. Il vago ricordo che avevo era quello di un castello, o un di una torre…di qualcosa del genere. La mia conoscenza sul Lussemburgo era rimasta per anni limitata al ricordo di quella pagina di libro.

Lussemburgo é una cittá molto piccola ma molto internazionale, ricca e borghese. Molto borghese. Porche, Jaguar, Maserati, Tesla e via dicendo, sono comuni come da noi in Italia lo sono le Fiat Panda o le 500. Banche pubbliche, private, d’investimento, societá finanziarie, di consulenza e immobiliari, istituzioni Europee e grandi multinazionali pullulano come i bar, i tabacchi e le pizzerie al taglio da noi in Italia.

Lussemburgo ha solo 120000 abitanti, sebbene durante la settimana, tra le 450/500000 persone al giorno passano le varie frontiere per arrivare in cittá per lavorare. I frontaliers, come li chiamano qui, arrivano a Lussemburgo al mattino presto e ripartono nel tardo pomeriggio. La maggior parte della gente che vive a Lussemburgo cittá é composta da espatriati. Si trova di tutto tranne che lussemburghesi (io personalmente ne ho conosciuti due finora…di lussemburghesi!).

In primis, ovviamente ci sono gli europei: italiani, spagnoli, portoghesi, greci, croati, rumeni, bulgari, norvegesi, inglesi, et cetera et cetera. Per ovvi motivi (la presenza di varie istituzione EU) ogni singolo paese europea é rappresentato qui nel Granducato. Ma ci sono anche tanti americani e canadesi. E anche tanti cinesi e indiani. Non mancano anche rappresentanti del continente africano. Diciamo che per una cittadina di poco piú di 100000 abitanti il livello di cosmopolitismo non é male. Esso si riflette in una ricca presenza di ristoranti con cucine di ogni angolo del mondo, in una considerevole offerta di eventi socio-culturali e via dicendo.

Ahimé, per diversi aspetti é una cittá molto costosa. Affittare o comprare casa é carissimo, mangiare fuori é anche costoso. Dall’altro lato peró, ci sono tanti servizi gratuiti, e altri che sono economicissimi anche rispetto all’Italia. L’organizzazione, l’efficienza, la pulizia, la sicurezza, le dimensioni, la mobilitá, il verde, i parchi pubblici, e tanto altro probabilmente compensano i prezzi elevati…e il mal tempo. Lussemburgo a detta di molti, e io concordo quasi pienamente, é un posto dove si vive bilanciando bene la vita lavorativa con quella personale ed é soprattutto un posto ideale dove far crescere i propri figli.

I parchi cittadini, i playground indoor per l’inverno, le attivitá sportive e culturali, le feste di compleanno (e si, ci sono anche qui) non mancano affatto. Mamme e papá possono fare tante cose con i loro figli. Sam é molto contento qui. Si diverte, fa tante attivitá all’aperto ma ha anche l’opportunitá di participare ad attivitá al chiuso in caso di mal tempo.

Uno dei pochi problemi che riscontro é che essendoci tante famiglie con bambini ed essendo Lussemburgo una cittá piccola, ossia un’alta domanda ma un’offerta limitata, alle volte é difficile trovare posto o biglietti per eventi a cui si vorrebbe partecipare. In fondo é uno dei pochi svantaggi del vivere una cittá di piccole dimensioni! Ma per il resto, un posto davvero non male dove vivere con dei bambini.

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi posso inviarti un'email di notifica non appena scriverò nuovi post.

Si, va bene?! Allora registrati qui. Grazie!

2 thoughts on “Un Paio di Cose su Lussemburgo

Lascia il tuo commento