Ciaaahooò – Il Primo Post

Benvenuti su Finalmente papà

Benvenuti su Finalmente papà

Samuel ha 15 mesi ed è un bambino fantastico. Si potrebbe pensare e dire che tutti i bambini sono belli e simpatici a quell’età. Ma non è così. Ho visto e conosciuto neonati e bambini piccolissimi, di pochi mesi o al massimo 2 anni, che non erano nè belli nè simpatici. Per carità, teneri e carini lo sono (quasi) tutti a quell’età ma belli e simpatici no.

Alcuni bambini sono belli ma non simpatici, altri sono simpatici ma non belli e altri, pochi, sono sia belli sia simpatici. Sono fermamente convinto che l’aspetto simpatia, più di quello estetico, dipenda molto dai genitori e dai loro rispettivi bagagli genetici (di simpatia, in questo caso).

In breve, secondo la mia visione, due genitori belli potrebbero avere un figlio non bello, così come due genitori non belli potrebbero avere un figlio bello. Al contrario, sempre secondo il mio punto di vista, due genitori simpatici non possono non avere un figlio non simpatico, mentre due genitori non simpatici non possono avere un figlio simpatico (il caso contrario lo vedo molto difficile).

La simpatia o l’antipatia sono una sorta di fattori genetici ben più forti dei fattori genetici più prettamente estetici. Ripeto che quest’ultima è una teoria personale basata sul nulla scientifico, bensì basata sulle mie osservazioni nei confronti di chi mi circonda.

E comunque, tornando a Sam, così è come lo chiamiamo più spesso a casa, sebbene usiamo anche Samuelino o Samuelicchio (e sebbene al nido lo chiamino persino Samuelin, in versione veneteggiante), rientra nella categoria dei belli e simpatici.

Tenete presente che questa non è la semplice valutazione di un padre ciecamente innamorato di suo figlio, cosa che sarebbe comprensibilmente normalissima. Che Sam sia bello è un dato semplicemente oggettivo, nel senso che lo dicono tutti: anche gli sconosciuti per strada, a prescindere dalla loro nazionalità, dalla razza, dall’età, dal genere, dal livello di intelligenza e dallo stato di ebbrezza.

Sam è davvero un bambino bellissimo. Fullstop. Merito in parte nostro, dei genitori, e delle nostre mescolanze genetiche..origini italiane, canadesi (di ceppo scozzese) e messicano di chissà quale pregresse e ignote origini.

Come dicevo sopra, Sam ha 15 mesi, quasi 16. E’ nato in Africa, esattamente a Nairobi in Kenya, ma da un anno sta vivendo e crescendo, e imparando a mangiare il cornetto a colazione e la pasta almeno una volta al giorno, a Roma, nella favolosa capitale della nostra fantastica e zoppicante Italia. E sebbene sperassi che il romanaccio che sarebbe potuto esserci un giorno (solo in piccola, piccolissima parte) in lui, si manifestasse il più tardi possibile, si è già inizialmente e precocemente manifestato.

Ieri difatti, mentre uscivamo da un carinissimo negozio di scarpe per bambini (nel Quartiere, con la Q maiuscola, di Testaccio), tra lo stupore generale mio e di mia moglie, abbiamo sentito per la prima volta Sam salutare tutti e congedarsi con il solito monellesco sorriso ma con un insolito romanesco “Ciaaahooò“. Cioè, capite? con quell’ inquietante aaahooò finale che non fa affatto sperare bene per il futuro di mio figlio (e di tutta la nostra famiglia)! ahinoi! Vedremo più in là come si evolveranno le competenze linguistiche di Samuelino. E intanto lo teniamo sott’occhio (e orecchio).

Con questo breve primo post, do ufficialmente inizio a “Finalmente papà”, il mio blog, poiché sarò io che scriverò, ma in realtà è il blog di Sam, il mio piccolo, bellissimo e simpaticissimo “romanaccio”. Benvenuti! ahooò!

Ti è piaciuto questo articolo? Se vuoi posso inviarti un'email di notifica non appena scriverò nuovi post.

Si, va bene?! Allora registrati qui. Grazie!

Lascia il tuo commento